Ultima modifica: 9 Febbraio 2020

Aggiornamento circolare Ministero Salute sulla gestione di studenti di rientro da zone a rischio

Si informa che il Ministero della Salute in data 8.2.2020 ha aggiornato la circolare del 1.2.2020 con le seguenti indicazioni:
“Le misure di seguito descritte si applicano a bambini che frequentano i servizi educativi dell’infanzia e studenti sino alla scuola secondaria di secondo grado, di ogni nazionalità, che nei 14 giorni precedenti il loro arrivo in Italia siano stati nelle aree della Cina interessate dall’epidemia, quotidianamente aggiornate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, (https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/situation-reports/ http://who.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/c88e37cfc43b4ed3baf977d77e4a0667 ).
Il dirigente scolastico che venga a conoscenza dalla famiglia dell’imminente rientro a scuola di un bambino/studente proveniente dalle aree come sopra identificate, informa il Dipartimento di prevenzione della ASL di riferimento. In presenza di un caso che rientra nella categoria sopra definita, il Dipartimento mette in atto, unitamente con la famiglia, una sorveglianza attiva, quotidiana, per la valutazione della eventuale febbre ed altri sintomi, nei 14 giorni successivi all’uscita dalle aree a rischio, o ogni altro protocollo sanitario ritenuto opportuno ai sensi della normativa vigente.
In presenza dei sintomi di cui alla definizione di caso dell’OMS viene avviato il
percorso sanitario previsto per i casi sospetti.
In tutti i casi, il Dipartimento propone e favorisce l’adozione della permanenza
volontaria, fiduciaria, a domicilio, fino al completamento del periodo di 14 giorni, misura che peraltro risulta attuata volontariamente da molti cittadini rientrati da tali aree.”
Si richiede pertanto alle famiglie che rientrino dalla Cina di segnalare il fatto alla dirigenza, eventualmente anche tramite il referente di plesso.
Si ringrazia per la collaborazione.
La dirigente scolastica