Ultima modifica: 21 Maggio 2020

PER NON DIMENTICARE

23 maggio 1992, 19 luglio 1992

Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che quando si tratta di rimboccarsi le maniche ed incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare.

Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell’esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell’amicizia, perché prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ognuno faccia il proprio dovere.
(Giovanni Falcone, 1939-1992)

La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.

Palermo non mi piaceva, per questo ho imparato ad amarla. Perché il vero amore consiste nell’amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare.
(Paolo Borsellino, 1940-1992)

Cosa ci insegnano queste parole di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino? Che senso ha ricordarli oggi?
Inviaci i tuoi pensieri, li condivideremo sul sito della scuola. Invia una mail a collaboratori@ictoniolo.edu.it entro il 23 maggio, anniversario della strage di Capaci